PROROGA SFRATTI: ADC RICHIEDE L’INTERVENTO DELLA CEDU

Il caso della proroga degli sfratti anche per situazioni precedenti all’emergenza sanitaria finisce alla Corte europea dei Diritti dell’Uomo.
Il caso, molto diffuso, riguarda un socio dell’associazione piccolo proprietario che aveva come fonte di sostentamento il fitto dell’immobile che non percepisce da anni dal conduttore che non svolge neppure l’attività all’interno del locale che non rilascia nonostante un provvedimento esecutivo di sfratto oggetto di proroga.
AdC ha chiesto l’intervento della CEDU per stabilire se tale situazione sia compatibile con il diritto di proprietà tenuto conto che la morosità si è verificata ben prima dell’emergenza sanitaria.

Per info e segnalazioni è stato attivato uno sportello telematico all’indirizzo: emergenzasfratti@avvocatideiconsumatori.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *