AMAZON: MULTA DA 425MILIONI DI DOLLARI?

Il Garante della Privacy del Lussemburgo – sede del Colosso – ha avanzato una proposta sanzionatoria che aspetta l’approvazione da parte degli altri Garanti UE per violazioni al GDPR, Regolamento generale sulla protezione dei dati, che
riguarderebbero le modalità di raccolta e utilizzo dati.
Nell’attesa di una risposta dalle ben 46 autorità’ europee e di una sanzione che, corrisponderebbe solo al 2% delle entrate di Amazon, la questione ripropone la questione dei filtri all’informazione del web e della loro manipolabilità in grado,in assenza dei doverosi provvedimenti Ue, di danneggiare consumatori e concorrenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *