Stampa

Fallimenti con durata eccessiva:conclusa la prima azione pilota

. Posted in ritardata giustizia

L'Associazione Avvocatideiconsumatori ha ottenuto per il proprio socio dalla Corte di Appello di Lecce un risarcimento di 13.500 euro per la durata eccessiva della procedura fallimentare.
La prima causa pilota ha accertato che la durata ragionevole anche per la procedura fallimentare NON può superare i 6 anni e che per l'eccessiva durata (nel caso di ben 9 anni) va riconosciuto un risarcimento di 1500 euro per ogni anno eccedente considerato il danno ingiusto del protrarsi del giudizio.
Il diritto al risarcimento si prescrive trascorsi sei mesi dal passaggio in giudicato della sentenza che chiude il fallimento.
Per maggiori informazioni e per aderire all'iniziativa è stato aperto uno sportello telematico all'indirizzo:  fallimenti@avvocatideiconsumatori.it
Stampa

Risarciti gli utenti per cause con durata superiore ai 6 anni

. Posted in ritardata giustizia

 

Aumenta il numero degli utenti che si sono rivolti ad AdC per il risarcimento del danno da eccessiva durata del processo.

Se il giudizio supera gli standards stabiliti dalla Corte europea dei Diritti dell’uomo di tre anni per il primo grado, due per il secondo e uno per la Cassazione,scatta il diritto al risarcimento per equa riparazione a causa della eccessiva durata della controversia .

Attenzione la causa a pena di decadenza va esperita entro 6 mesi dal momento in cui la decisione è divenuta definitiva.

Entro 30 giorni con decreto motivato la Corte di Appello competente decide tenuta presente la complessità del caso, l'oggetto del procedimento ed il comportamento delle parti, del giudice ingiungendo di pagare la somma liquidata a titolo di equa riparazione autorizzando anche la provvisoria esecuzione.

Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Stampa

E la mediazione non c'è più!

. Posted in ritardata giustizia

Dopo breve e travagliata esistenza la conciliazione obbligatoria ha cessato di esistere.Da oggi grazie alla Corte Costituzionale i consumatori sono più liberi.  AdC auspica che i nuovi provvedimenti per la deflazione del contenzioso vadano in una direzione
Stampa

La Corte Costituzionale ha fatto giustizia del Papocchio sull'anatocismo

. Posted in ritardata giustizia

Molti Tribunali tra cui il Tribunale di Brindisi avevano rimesso alla Corte Costituzionale la norma inserita nel 'Milleproroghe' (Dl del 29 dicembre 2010 convertito in Legge il 26 febbraio 2011) a firma del Senatore Azzolini del PdL che intendeva bloccare le azioni risarcitorie dei correntisti fondate su sentenze pacifiche della Cassazione. Soddisfazione viene espressa da AdC per  la decisione di incostituzionalità che di fatto  ripristina il diritto al recupero degli interessi anatocistici illegittimi pagati in eccesso sin  dalla data di inizio del rapporto e fino alla chiusura del conto.

Stampa

Annullata la sentenza della Cassazione dalla Corte dell'Aja

. Posted in ritardata giustizia

 

La Corte internazionale dell'Aja ha accolto il ricorso della Germania contro l'Italia stabilendo che le indennità alle vittime italiane dei crimini nazisti violano l'immunità legale internazionale ottenuta dalla Germania per i crimini commessi dal nazismo. Berlino aveva presentato ricorso contro la sentenza della Cassazione del 2008 per il risarcimento delle vittime del massacro nazista avvenuto il 29 giugno 1944 a Civitella, in Toscana.

La Repubblica italiana ha mancato ai suoi obblighi di rispetto dell'immunità riconosciuta alla Repubblica federale di Germania dal diritto internazionale consentendo che venissero intentate contro di essa azioni civili basate su violazioni del diritto internazionale umanitario commesse dal Reich tra il 1943 ed il 1945 e dovrà anche modificare le sue norme per impedire che abbino a ripetersi simili sentenze.

La decisione lascia profondamente amareggiati per i familiari delle vittime ma anche stupiti poichè ben 3  Giudici italiani anche al massimo livello come la Cassazione hanno di fatto disatteso l'accordo tra Italia e Germania del 1962 a chiusura e definizione di ogni rivendicazione economica  derivante dal conflitto ed un principio notorio come l'immunità legale di uno Stato estero.

Stampa

Ecco la bozza delle nuove norme in difesa dei diritti dei consumatori

. Posted in ritardata giustizia

Pubblichiamo qui di seguito la bozza tratta da Corriere.it che il Governo si appresta ad approvare e che rimanda a specifici Regolamenti l'intervento vero e proprio per l'eliminazione delle "note caste":