Stampa

Nuove regole commercio elettronico : progetto Antitrust - UE negli istituti scolastici italiani

. Posted in Telecomunicazioni e web



AGCM insieme all'Unione Europea e al Ministero Pubblica Istruzione  sta portando avanti nei principali istituti scolastici italiani un progetto mirato all'informazione corretta sugli acquisti effettuati sul web e sulle nuove tutele previste dalla nuova normativa europea.

Numerosi sono gli inerventi che il Garante ha dovuto effettuare a seguito di segnalazioni di e-buyers che sono stati vittima di problematiche di diverso tipo:

-Mancata consegna del prodotto;
-mancato rimborso del prezzo pagato al momento dell’ordine on line, a fronte dell’omessa consegna del bene ordinato;
- diniego del riconoscimento del diritto di recesso e della garanzia;
 -assenza di corrispondenza tra le caratteristiche indicate nel sito e il prodotto che si riceve.

Agli studenti vengono dati alcuni consigli utili:

-la verifica delle caratteristiche del sito su cui si fanno acquisti;
- la genuinità dei blog informativi;
- le modalità di pagamento (preferibilmente da effettuare al momento della spedizione della merce e non prima);
- l’esistenza o meno dei riferimenti del venditore on line e della possibilità concreta di esercitare i diritti di recesso e garanzia.

Il progetto si fonda su un decalogo messo a punto per informare e tutelare meglio tutti i consumatori, a partire da quelli più giovani, che utilizzano smartphones e devices mobili per navigare e comprare prodotti e servizi.

I punti su cui è intervenuta la nuova normativa europea sono i seguenti:

stop a spese e costi nascosti su internet;
- maggiore trasparenza dei prezzi; 
- divieto delle caselle preselezionate sui siti web;
-  più giorni (14) per cambiare idea su acquisti fatti anche on line;
- maggiori diritti di rimborso, estesi a 14 giorni dal momento del recesso;
-  introduzione di un modulo di recesso standard per l'intera UE;
- eliminazione di sovrattasse per l'uso di carte di credito e di servizi di assistenza telefonica; 
- informazioni più chiare su chi sopporta le spese di restituzione delle merci.

 

Per qualnque informazione potete scriverci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

In allegati il testo del Decalogo

Share