Stampa

Manca l'acqua?Paghi il Gestore!

. Posted in servizi idrici

E' quanto ha disposto la Cassazione con la sua sentenza 2182/16 affermando un principio generale valido per situazione analoghe. Per la Cassazione il Gestore dell’acquedotto è tenuto ad individuare fonti di approvvigionamento alternative se quelle usuali sono fuori legge, senza aspettare che vi provvedano terzi responsabili dell'inquinamento. La decisione riguarda l‘Ente Acquedotti Siciliani in liquidazione già gestore della rete idrica di Gela che dovrà pagare 853 euro di risarcimento danni in favore di un utente confermando la decisione del Giudice di Pace e del Tribunale non avendo provato di aver impiegato la necessaria diligenza per rimuovere gli ostacoli frapposti all’esatto adempimento.

Per maggiori info AdC ha aperto lo sportello: acquapulita@avvocatideiconsumatori.it

Stampa

Sanzione di oltre 1 milione dell'AGCM

. Posted in servizi idrici



L'AGCM, a seguito di circa 600 segnalazioni dei consumatori, tenendo conto del parere reso dall'AEEGSI, ha valutato che alcune pratiche commerciali messe in atto dal gestore idrico ABBANOA Spa non fossero rispondenti alla diligenza professionale che si richiede ad un gestore che opera in regime di monopolio per la fornitura di un bene vitale come l'acqua e che dispone, in caso di inadempimento da parte dei debitori, della possibilità di poter interrompere il servizio.

Diverse sono state le condotte scorrette del gestore: mancata effettuazione delle letture periodiche, con conseguente invio di fatture di conguaglio di elevata entità; fatturazione sulla base di stime rivelatesi eccessivamente elevate; mancato rispetto della periodicità di fatturazione prevista; fatturazione di servizi di depurazione non resi; indicazione nelle fatture di morosità non effettive; applicazione di procedure che ponevano sui consumatori gran parte dell’onere di pagamento dell’acqua non consumata, a causa di perdite occulte nell’impianto idrico; invio di bollette relative a consumi pluriennali di elevato importo, in assenza di un’adeguata informazione circa l’applicazione di nuove tariffe a seguito del subentro nelle precedenti gestioni; con riferimento a tale pratica l’Antitrust ha comminato una sanzione pari a 400.000 euro .

Inefficienze per la  gestione dei reclami, che hanno condotto alla mancata sospensione delle procedure di riscossione e interruzione delle utenze in pendenza di esame del reclamo, nel contesto di energiche politiche di contrasto alla morosità mediante distacco dell’utenza; per  tale condotta, l’Autorità ha ritenuto di applicare una sanzione di 600.000 euro .

Infine il gestore ha posto ostacoli al subentro in utenze esistenti, inibendo l’ingresso su utenze morose anche nel caso di richieste di terzi estranei e non morosi: ciò ha provocato un indebito condizionamento ai consumatori che potevano essere indotti al pagamento delle morosità dal precedente titolare. Per questa condotta, l’Antritrust ha comminato una sanzione di 80.000 euro.

In allegati il testo del provvedimento AGCM                                                                                                                       

 

Allegati
Download this file (prvvedimento sard PS8949.pdf)prvvedimento sard PS8949.pdf[ ]2415 Kb
Stampa

Uniacque: aperto procedimento dal Garante

. Posted in servizi idrici

Con provvedimento del 31 Luglio 2014 l'Autorità Garante ha aperto un procedimento nei confronti di Uniacque finalizzato all'adozione di provvedimenti sanzionatori.
La decisione è stata pubblicata sul sito:
http://www.autorita.energia.it/allegati/docs/14/378-14.pdf
Per maggiori info da parte degli utenti:  info@avvocatideiconsumatori.it
Stampa

stop distacco selvaggio

. Posted in servizi idrici

 

L'Autorità Garante per l'energia elettrica e per il gas, si impegna interviene affinchè sia solo ridotta l'erogazione e non cessata anche in caso di morosità.

Sul tema si era già espressa parte della Giurisprudenza sia per il profilo vessatorio della procedura di distacco che per le caratteristiche della fornitura di bene indispensabile.

Nel frattempo si sta per abbattere sull'Italia la sanzione della Ue per i mancati interventi sulla rete di distribuzione che in alcune zone rendono l'acqua inferiore agli standards minimi di qualità,aspetto che può essere oggetto di specifica contestazione e richiesta di risarcimento del danno da parte degli utenti interessati.

Segnalate i Vs caso a info@avvocatideiconsumatori.it