Diluvio di ricorsi in Via Portonaccio (Roma)

Diluvio di ricorsi in Via Portonaccio (Roma)

“Una strada sconnessa con strisce sbiadite, una telecamera impolverata, un cartello di divieto di transito nascosto tra i rami degli alberi e un altro con il disco rosso ripulito, spostato di due metri sul marciapiede”. 

Viene così descritta la segnaletica in Via Portonaccio (Roma), in cui una stima di 250mila tra residenti e cittadini, ha ricevuto una contravvenzione di 95€ , la quale, moltiplicata per 250mila multe ammonta a 23 milioni e 750mila euro.

Avvocati dei Consumatori, da sempre favorevole al miglioramento delle condizioni della sicurezza stradale e in particolare a tutela dei diritti dei pedoni, esprime forte contrarietà per le modalità entro cui il Comune di Roma ha gestito la situazione di Via Portonaccio, il quale sembrerebbe essere più mirato ad assolvere le funzioni di un “Bancomat” rispetto al raggiungimento degli obiettivi auspicati.

Per tali ragioni, Adc lancia la costituzione di un comitato per difendere unitariamente gli interessi dei cittadini coinvolti.

Per info, segnalazioni e contestazioni: info@avvocatideiconsumatori.it